Sede

Anche Salone del libro di Torino, premiata per l'idea della Spigolatura sociale

Il Comune di Torino, nel quadro del progetto europeo Food Smart Cities For Development, nel corso del 2016 ha lanciato il bando "Micro-azioni per la creazione di un sistema alimentare locale più equo e sostenibile".
 
Il progetto si ripropone di creare una rete di città “smart” nelle quali istituzioni e cittadini possano discutere i temi legati alle politiche alimentari e condividere buone pratiche per la risoluzione dei problemi legati all’accesso al cibo, alla riduzione dello spreco, all’educazione alimentare, alla produzione sostenibile, sia a livello locale che globale.
LVIA ha deciso di concorrere al bando e lo ha fatto presentando l’idea della Spigolatura Sociale, che stiamo cercando di sviluppare per diminuire lo spreco del cibo in campo e attivare solidarietà sociale.

La micro-azione è stata premiata ed è inserita nel volume “Turin food policy – Buone pratiche e prospettive” di Maria Bottiglieri, Giacomo Pettenati e Alessia Toldo, FrancoAngeli Editore, volume presentato anche in occasione del Salone del libro di Torino lo scorso 19 maggio 2017.

La scheda LVIA è all’interno della pubblicazione a pag 108 (Scheda 54).

Dolomiti energia e LVIA: una partnership per sostenere la protezione delle risorse naturali in Africa

in

LVIA e Dolomiti Energia hanno stretto una partnership finalizzata alla creazione di un’offerta dedicata di energia e gas per le famiglie, che contribuisca a supportare le attività dell’associazione in Africa. La scelta di Dolomiti Energia come partner dell’iniziativa risiede nel fatto che è un’azienda italiana che opera per la fornitura di energia e gas con criteri ecologici e solidali:

- Solidale con l’ambiente, in quanto l’energia elettrica è green e viene prodotta utilizzando solo fonti rinnovabili, ovvero attraverso le centrali idroelettriche trentine del Gruppo Dolomiti Energia;

- Solidale con le persone, permettendo un risparmio ai clienti e aiutando LVIA nelle azioni di giustizia per assicurare diritti, inclusione, sviluppo sociale ed economico in molti tra i paesi più poveri dell’Africa.

Attivando il servizio di Dolomiti Energia e scegliendo di sostenere LVIA, si può “donare, risparmiando” e quindi il vantaggio dell’utente-sostenitore è doppio. L’offerta prevede le seguenti scontistiche:

SCONTO SULL’ENERGIA: - 9%* sul prezzo di riferimento del servizio di maggior tutela e - 12% attivando il servizio bollett@mail per la ricezione della bolletta esclusivamente via email; una parte di questi sconti pari al 6%, verrà poi donato da Dolomiti Energia a LVIA per il sostegno dei suoi progetti in Africa;

SCONTO SUL GAS: - 6% sul prezzo di riferimento del servizio di maggior tutela e bonus di 25 metri cubi all'anno gratuiti, attivando il servizio bollett@mail; anche in questo caso una parte della scontistica pari al 3%, verrà poi donata da Dolomiti Energia a LVIA per il sostegno dei progetti solidali.

*Tutte le percentuali indicate sono calcolate rispetto al prezzo della componente materia prima consumata mensilmente da parte di ogni nuovo cliente attivato; tale prezzo viene determinato e aggiornato trimestralmente dall’Autorità.

Dolomiti Energia è in possesso della principale certificazione a livello internazionale, GO (Garanzia d’Origine) che attesta l’origine rinnovabile delle fonti utilizzate per produrre energia elettrica pulita.
 
Contatti: 
Con la bolletta dell’energia elettrica e del gas alla mano, la sottoscrizione dell’offerta potrà avvenire comodamente da casa, mediante la compilazione di una FORM sul sito di Dolomiti Energia www.dolomitienergia.it/content/in-convenzione-con-lvia oppure contattando il numero verde 800.030.030
 

ABBIAMO RISO PER UNA COSA SERIA 2017

Il 6 e il 7  maggio 2017 si svolgerà la Campagna 

“Abbiamo RISO per una cosa seria”

LVIA partecipa alla Campagna nazionale "Abbiamo RISO per una cosa seria" a favore dell'agricoltura familiare in Italia e nel mondo. La Campagna è promossa da FOCSIV - Volontari nel mondo, Coldiretti e Fondazione Campagna Amica con il Patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e la diffusione nei Centri Missionari Diocesani della CEI. La Campagna propone un'alleanza globale tra contadini di Nord e Sud del mondo che, malgrado le diversità dei contesti e le migliaia di km di distanza, vivono ovunque le medesime problematiche, causate da logiche di profitto che ignorano la dignità delle persone e del loro lavoro. 

 PER SAPERNE DI PIU' SULLA CAMPAGNA

15 anni fa FOCSIV scelse il riso, alimento tra i più consumati al mondo, in particolare tra i più poveri, come simbolo della Campagna "Abbiamo riso per una cosa seria". 

Oggi è un grande movimento che vede il 6 e 7 maggio in 1000 piazze, parrocchie e mercati di Campagna Amica oltre 4000 volontari offrire pacchi di riso 100% italiano della FdAI - Filiera degli Agricoltori Italiani, per una donazione minima di 5,00 Euro.

  LE PIAZZE  >> SCOPRI DOVE TROVARE I BANCHETTI LVIA

"Una grande forza, contadini e consumatori, uniti dalla Campagna per difendere in Italia e nel mondo chi lavora la terra e per garantire il diritto al cibo a partire dai più vulnerabili. - ha dichiarato Gianfranco Cattai, presidente FOCSIVIl nostro è un grande movimento, rappresentato dai milioni di chicchi di riso offerti dai nostri volontari i primi giorni di maggio, che ribadisce come nessuno di noi sia disposto a delegare alcuno per ciò che ci riguarda più da vicino: il liberarci dalla schiavitù dei prezzi imposti dalle multinazionali dell'agroalimentare, dal fenomeno del caporalato, dai condizionamenti dell'agribusiness, dai cambiamenti climatici e dalle cause che portano all'emigrazione di milioni di persone. Ben consapevoli che solo dall'agricoltura familiare si può avere una risposta alla fame, al bisogno di lavoro e allo sviluppo umano secondo una visione più equa e più giusta di democrazia alimentare e di ecologia integrale."

La Campagna permetterà di realizzare 41 interventi di agricoltura familiare a fianco di circa 200.000 famiglie rurali nelle aree più povere del pianeta.

In Italia “Abbiamo RISO per una cosa seria", sostiene il Villaggio Solidale, nato in collaborazione con Coldiretti per la realizzazione di una filiera alternativa controllata che permetta di sottrarre gli immigrati allo sfruttamento dei caporali nelle campagne di Rosarno, in Calabria.

>> L'AGRICOLTURA FAMILIARE PUO' SFAMARE IL MONDO


UN PONTE DI RISO TRA ITALIA E GUINEA BISSAU 

"Un ponte di riso tra Italia e Guinea Bissau" è il progetto sostenuto da LVIA attraverso la Campagna. La Guinea Bissau è Paese dell’Africa Occidentale dove quasi 100mila orti a conduzione familiare contribuiscono a più dell’80% della produzione. Ma la produzione locale di riso, alimento base della cucina guineense, copre appena il 40% del consumo nazionale ed il Paese non è ancora autosufficiente da punto di vista alimentare. LVIA interviene nel Paese con un programma di supporto all’agricoltura, e in particolare alla “risicoltura di mangrovia”: si tratta di una tecnica tradizionale di risicoltura che utilizza il delicato equilibrio tra acqua dolce ed acqua salata, valorizzando l’ecosistema unico delle coste marine guineensi, caratterizzato dalle mangrovie. Negli ultimi 5 anni, il lavoro di LVIA con i produttori della Guinea Bissau, ha coinvolto 5.300 agricoltori, formato 15 cooperative agricole che gestiscono altrettanti Centri di Servizi agricoli e formati e 15 gruppi di produttori di sementi, in tutte le cinque regioni del Paese.

LVIA collaborerà in Guinea Bissau con i produttori di riso di mangrovia, e grazie alla Campagna concorrerà alla sicurezza alimentare di 22.000 risicoltori e delle loro famiglie e fornendo ai giovani alternative valide alle emigrazioni dai villaggi.  

 SCOPRI DI PIU' SUL PROGETTO LVIA

...La Campagna si fa social!

Seguici su

  

Partecipa anche tu, posta la foto del tuo sorriso o di quello di un amico e scrivi #RISOxunacosaseria con @Focsiv e @LVIAong 

www.abbiamorisoperunacosaseria.it

FAI CRESCERE LA SOLIDARIETA': le iniziative di LVIA in occasione della Giornata Mondiale dell'Acqua 2017

 

Fai crescere la solidarietà
Una piantina aromatica per contribuire alla costruzione di pozzi per le popolazioni vittime di siccità e conflitti del Nord del Mali.
L'1 e 2 aprile "scendiamo in piazza" con banchetti di piantine aromatiche nell’ambito della Campagna Acqua è vita! 
 
Diventa anche tu un portatore d'acqua: 
I volontari LVIA vi aspettano l'1 e il 2 aprile nella province di Cuneo e di Torino, e a Galliate (NO). 
Dove trovare i banchetti Acqua è Vita
 
IMali è un Paese dell’Africa Occidentale situato nella zona Saheliana. Il fiume Niger è l’unico corso d’acqua perenne e attraversa il territorio fermandosi alle porte del deserto del Sahara: è qui che inizia il nord del Mali, dalla regione di Gao, dove l’accesso all’acqua potabile e sicura rischia di restare un miraggio per le popolazioni Touareg che abitano questi territori. 

A seguito delle rivolte, del Colpo di Stato e dell'occupazione da parte di gruppi islamisti fondamentalisti del 2012, LVIA è tornata nel Paese per sostenere la popolazione vittima di siccità e conflitti. Le priorità sono l'acqua, il reinserimento degli sfollati e la lotta alla malnutrizione. In particolare, la costruzione di 11 pozzi garantirà acqua sicura e pulita a 16.500 persone.

Migliorare la disponibilità idrica significa anche ridurre le tensioni che spesso degenerano in conflitti legati alla gestione dell’acqua

Vuoi sostenere il progetto? Continua>>

 
 
Il 22 marzo è la Giornata Mondiale per il diritto all'Acqua.
 
Per LVIA significa diritto alla vita per le migliaia di persone delle comunità africane con cui siamo impegnati nel tentativo di garantire acqua pulita e sicura e migliorare così le condizioni di vita da oltre 50 anni. Oltre ai banchetti, vorremmo tenere alta l'attenzione sul diritto all'acqua spesso negato, attraverso laboratori con le scuole e iniziative con la cittadinanza. 

GLI EVENTI

 
Forlì, 5 aprile 2017
Ore 19:30: cena presso il ristorante CASA ARTUSI
Ore 21.30: proiezione del Film "Il SOTTOSCRITTO: storia di un uomo libero", CINEMA VERDI
di Sandro Gastinelli e Marzia Pellegrino. La storia di don Aldo Benevelli, fondatore di LVIA
 
PRENOTAZIONI ENTRO IL 31 MARZO.
> Tel: 338 2132076
> Mail: vanni.fabbri@gmail.com
 
Scarica la locandina
 

 

25 marzo, TORINO - ore 21

Auditorium ORPHEUS, Corso Govone 16

Concerto solidale del gruppo vocale

GLI ABBAINI

Il gruppo vocale Gli Abbaini è una formazione femminile che, attraverso brani di musica leggera e la lettura di testi, affronta temi sociali con leggerezza e profondità, con ironia e passione. La direzione artistica è di Floriana D'Andrea.

Segui l'evento facebook >>

 


 

22 marzo, CUNEO - ore 18

Centro di Documentazione Territoriale in Largo Barale 11

LA SOIF DU MONDE

Nell'ambito dell'approdo a Cuneo del progetto delle Regioni Piemonte e Valle d’Aosta “Una Buona Occasione” (www.unabuonaoccasione.it) per la prevenzione degli sprechi alimentari e idrici, è stata organizzata la proiezione del docu-film di Yann Arthus-Bertrand, che ci guida alla scoperta dell’elemento naturale da cui tutto è nato, sempre più minacciato dai cambiamenti climatici, in un viaggio attraverso venti paesi che dal nord del Kenya ci porta fino alla Cambogia, passando per gli Stati Uniti e la Valle d’Aosta.

Continua >>

 

Le proiezioni del docu-film “La Sete del Mondo” in occasione della Giornata Mondiale dell'Acqua

Il film "La Soif du monde" è trasmesso il 22 marzo presso la sala polivalente del Centro di Documentazione Territoriale in Largo Barale 11 - Cuneo.

Altre date:  

27, 28 e 29 marzo nella scuola media dell'IC Grandis di Borgo San Dalmazzo 

4, 5, 6, 7, 10, 11, 12, 13 aprile nella scuola media di via Sobrero a Cuneo 

Il trailer del film, che sarà proiettato con i sottotitoli in italiano

 

Il 22 marzo è la Giornata mondiale dell’acqua e per l’occasione approda a Cuneo il progetto delle Regioni Piemonte e Valle d’Aosta “Una Buona Occasione” (www.unabuonaoccasione.it) per la prevenzione degli sprechi alimentari e idrici. 

L’acqua è la cosa più preziosa che abbiamo, è quella risorsa che ci permette di vivere sul pianeta Terra la cui superficie è ricoperta d’acqua per il 71%. Noi stessi siamo fatti d’acqua per oltre il 70%. L’acqua è vita.

In collaborazione con l’associazione di solidarietà e cooperazione internazionale LVIA – Servizio di Pace e con il patrocinio del Comune di Cuneo, sarà proiettato alle ore 18, presso la sala polivalente del Centro di Documentazione Territoriale in Largo Barale 11 - Cuneo, il film “La sete del Mondo” di Yann Arthus-Bertrand.

Scarica la Locandina

LVIA partecipa all'iniziativa coerentemente con l'impegno di garantire acqua pulita e sicura alle comunità africane che ne sono ancora prive. Un impegno cinquantennale che, solo negli ultimi 13 anni ha prodotto il risultato concreto di portare l'acqua a 1milione e 400mila persone in dieci paesi africani. E quando arriva l'acqua, tutto cambia. La vita si trasforma: migliora la vita delle famiglie, soprattutto delle donne, migliorano l'economia, la salute e l'alimentazione, diminiscono i conflitti. Maggiori informazioni nella sezione ACQUA è VITA.

Yann Arthus-Bertrand nel film "La sete del Mondo" ci guida alla scoperta dell’elemento naturale da cui tutto è nato, sempre più minacciato dai cambiamenti climatici, in un viaggio attraverso venti paesi che dal nord del Kenya ci porta fino alla Cambogia, passando per gli Stati Uniti e la Valle d’Aosta.

Il film, presentato al Festival Internazionale CinemAmbiente a Torino, è quindi un viaggio sull’acqua, la sua mancanza, i suoi utilizzi, le pratiche sbagliate e quelle corrette.

«Il rapporto fra acqua e cibo ed in particolare la riflessione su quanta acqua è necessaria per produrlo costituisce l’oggetto dell’indagine di “Una Buona Occasione” – commenta Roberto Corgnati, dirigente del Settore Regionale Relazioni con il pubblico e Tutela del Consumatore e project manager del progetto “Una Buona Occasione”. – Per produrre un chilo di carne di manzo occorrono circa 15.000 litri d’acqua. Allora che senso ha preoccuparsi di risparmiare poche decine di litri d’acqua nelle nostre pratiche quotidiane ed essere indifferenti al fatto che sprecando il cibo o seguendo una dieta ricca di proteine di origine animale, anziché una più vegetariana, determiniamo ogni giorno un maggior consumo d’acqua di migliaia di litri?».

Alla proiezione sono state invitate le associazioni sensibili alla tematica del consumo dell’acqua così da arricchire gli spunti di riflessione e di dibattito.

 

Dalla provincia di Cuneo segnali di pace per l'Europa

Dove: Piemonte, provincie di Cuneo e Alba 
Settore: Giovani e Intercultura
Partner e finanziatori: Apice - Associazione per l'incontro delle culture in Europa, Fondazione CRC
 
 
MOTIVAZIONE DELL'INIZIATIVA
Nel mondo globalizzato la diffusione di una cultura di pace, di cui LVIA si fa promotrice da 50 anni, può aiutare il territorio a comprendere fenomeni complessi e a fornire risposte efficaci alle nuove sfide delle migrazioni, del mercato, della coesione sociale sviluppandole in un’ottica positiva di partecipazione, relazione e reciprocità generando così nuovo valore umano, sociale e culturale.
L’opportunità del progetto “Pace Europa 15/18” e la coincidenza con il 60° anniversario della firma del Trattato di Roma offrono l’occasione per riflettere sul percorso fatto dall’Europa rispetto alla tenuta delle “quattro libertà fondamentali”, di cui la libera circolazione delle persone sembra essere messa particolarmente a rischio dal risorgere di nazionalismi e da un diffuso sentimento di xenofobia.

BREVE DESCRIZIONE
Il progetto mira a coinvolgere la cittadinanza dei territori di Alba e Cuneo, per:

  • Rafforzare il senso di appartenenza ad una cittadinanza europea e globale;
  • Favorire il superamento di atteggiamenti discriminatori da parte della cittadinanza, nel contatto con persone di diverse culture e religioni.
  • Promuovere la partecipazione e la cittadinanza attiva.
  • Rafforzare e incrementare l’aggregazione sociale, in particolare quella giovanile.
  • Sensibilizzare ad un’attitudine positiva al dialogo con persone provenienti da diversi background culturali, scavalcando pregiudizi e atteggiamenti discriminatori.
  • Favorire il dialogo e il confronto tra i cittadini e i decisori politici per una progettazione partecipata volta a colmare il gap di partecipazione e rafforzare i processi democratici.

L'iniziativa prevede le seguenti attività:

1. Biblioteche viventi, buona pratica europea per diffondere la cultura del rispetto delle differenze
 
La Biblioteca Vivente è una vera e propria biblioteca con libri, bibliotecari e lettori. I libri sono persone in carne ed ossa che si mettono a disposizione dei lettori per raccontare la propria vita - spesso caratterizzata da esperienze di minoranza e discriminazione. In tal modo il cittadino può consultare un “libro”, fargli delle domande, con l’obiettivo di conoscere le diversità e porsi in una posizione di superamento dei pregiudizi.
 

Il tema portante è il tema della cittadinanza globale ed europea, declinata nelle sue molteplici diversità.
I “libri viventi” trattano i seguenti temi:
- rifugio e asilo politico a cura di un giovane rifugiato somalo;
- dialogo interreligioso a cura di una giovane di fede musulmana che indossa il velo;
- minoranze etniche a cura di un giovane di origine Rom;
- cittadinanza europea a cura di un giovane che ha svolto alcune esperienze di mobilità europea;
- disabilità e inclusione sociale a cura di un giovane disabile.

Le biblioteche viventi si svolgeranno ad Alba e a Cuneo rispettivamente sabato 11 e sabato 18 marzo. 

2. Sessioni di dialogo strutturato 
Il dialogo strutturato è una metodologia riconosciuta dall’Unione Europea, già ampiamente sperimentata da LVIA su vari territori piemontesi, che offre agli amministratori l'opportunità di discutere su temi predeterminati assieme ai cittadini, al fine di arrivare a dei risultati utili ad orientare le decisioni politiche.
La tematica oggetto della discussione è "vivere la città multiculturale".
 
3. Esposizione della mostra LVIA "Crocevia di Migrazioni - io migrerò? tu migrerai? egli migrerà? noi migrammo, voi migraste, essi migrarono" 
La mostra, realizzata in 8 pannelli, affronta il tema delle migrazioni e del rapporto con lo "straniero" dall'antichità ai giorni nostri, passando dalle gesta di personaggi storici, per arrivare fino ad esperienze di vita oggi raccontati da ragazzi e ragazze.
La mostra è stata realizzata nell'ambito del progetto "Diari di viaggio - Educare ad una cittadinanza mondiale condividendo a scuola le esperienze di migrazioni", finanziato dal Fondo Europeo per l'integrazione dei cittadini di Paesi Terzi.
La mostra sarà esposta presso la sede della Provincia di Cuneo mercoledì 22 e giovedì 23 marzo.
 

SEGUI IL FORUM DEI 50 ANNI LVIA e LA MOSTRA "PORTE APERTE LVIA": video e foto delle giornate

Il Forum dei 50 anni LVIA si è svolto il 9 e 10 dicembre a Cuneo.
Grazie al contributo dei tanti relatori, tra cui l’Europarlamentare Cecile Kyenge, il Presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, il Vescovo dal Burkina Faso Mons. Ouedraogo, il rappresentante del Ministero Affari Esteri Simone de Santi, e tante associazioni, enti, amici e partecipanti, si sono sviluppati i temi della reciprocità internazionale, delle migrazioni e nuove povertà, dei diritti umani e del dialogo per la pace.
Tavole rotonde, approfondimenti, interviste, testimonianze personali, momenti toccanti di preghiera interreligiosa e ricordo dei volontari LVIA deceduti, hanno intervallato i due giorni del Forum.
De seguito, i contributi video e fotografici degli interventi e di alcuni momenti delle giornate e l’inaugurazione di "PORTE APERTE LVIA" a Palazzo Samone a Cuneo.
 
INVITO ALLA MOSTRA
"PORTE APERTE LVIA"
FLASH MOB
"ACQUA è VITA"
in occasione di "PORTE APERTE"
INAUGURAZIONE
"PORTE APERTE LVIA"
 
INVITO DEL PRESIDENTE
LVIA AL FORUM

 GALLERIE FOTOGRAFICHE

 
 
 
VENERDÌ 9 DICEMBRE
LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE: un percorso di reciprocità
 
Saluti di benvenuto
Ezio Elia,
Presidente LVIA (estratto dell'intervento
Federico Borgna,
Sindaco di Cuneo
Mons. Piero Delbosco,
Vescovo di Cuneo e Fossano
Intervento completo    
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Apertura dei lavori
Sergio Chiamparino, 
Presidente
Regione Piemonte
 
Come i valori fondanti dell'Unione Europea possono rilanciare e servire il dialogo ed i partenariati tra Africa ed Europa, in un'ottica di reciprocità 
 
 
On. Cecile Kyenge,
Europarlamentare, membro della Delegazione per le relazioni con il Parlamento PanAfricano
 

 

 

 

 

 

 
 
Le prospettive della Cooperazione Italiana 
Simone De Santi,
Ministero Affari Esteri e
Cooperazione Internazionale 
 

 

 

 

 

 

 
 
Testimonianze 
Abdullahi Ahmed,
rifugiato somalo e
oggi cittadino italiano

Gruppo musicale Coro Moro sulla loro esperienza di integrazione

 
Tavola rotonda
MIGRAZIONI E NUOVE POVERTÀ
Mons. Giancarlo Perego,
Fondazione Migrantes
Assessora Monica Cerutti,
Regione Piemonte
Umberto Salvi,
Consorzio ONG Piemontesi (intervento parziale)
 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
Interventi mancanti:
Antonella Ricci (Fondazioni4Africa), Giovanni Armando (LVIA Senegal)
 
Tavola rotonda
IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E QUELLO DELLE ONG
Gianfranco Cattai,
FOCSIV
Paolo Dieci,
Link2007
Giorgio Garelli,
Regione Piemonte 
Modou Gueye,
Associazione Sunugal
Massimo Pallottino,
LVIA
 
 
ORE 21 • TEATRO TOSELLI • CUNEO
SPETTACOLO MUSICALE CON
Kachupa
Coro Moro
Le Madamè
 
 
SABATO 10 DICEMBRE
SERVIRE LA PACE OGGI
PREGHIERA INTERRELIGIOSA 
condotta da
Mons. Ouedraogo (Vescovo di Koudougou - Burkina Faso)
Pastore Genre (Chiesa Valdese)
Ahmed Sahbani (Imam di Cuneo)
Apertura dei lavori: A. Bobba, LVIA (intervento mancante) 
 
 
 
In memoria dei volontari LVIA
deceduti 
 
 
 
Tavola rotonda 
CIBO, ACQUA, AMBIENTE: DIRITTI ANCORA NEGATI A MOLTI  
Andrea Stocchiero,
FOCSIV (estratto dell'intervento)
Luciano Scalettari,
Famiglia Cristiana
Maurizia Sandrini,
LVIA Kenya
Marco Alban,
LVIA Burkina Faso
Modou Gueye,
Associazione Sunugal

 

Tavola rotonda 
IL DIALOGO PER LA PACE
Mons. Joaquim Ouedraogo, 
Vescovo di Koudougou
Pastore Gianni Genre, 
Chiesa Valdese
Ussama Dannawi, 
Giovani Musulmani
d’Italia
Adriano Andruetto, 
COCOPA 
Ezio Elia,
LVIA

 

Conclusioni di Ezio Elia,
Presidente LVIA

 

Interviste 

Alberto Valmaggia,
assessore Regione Piemonte
e già Sindaco di Cuneo
Servizio del TG3 Piemonte
On. Cecile Kyenge,
Europarlamentare
Simone De Santi,
Ministero Affari Esteri e
Cooperazione Internazionale 
Mons. Giancarlo Perego,
Fondazione Migrantes
Gianfranco Cattai,
FOCSIV
       
       

 

 

Il Notiziario dei 50 anni LVIA: tante storie da leggere

La storia dell'associazione, le storie delle persone, gli approfondimenti sull'evoluzione dei settori d'intervento dagli inizi ad oggi. 

Le pagine che seguono sono una testimonianza del percorso LVIA di cultura, di relazioni umane e di ponti tra comunità del mondo.

Buona lettura!

 

 

2 - 4 dicembre, Torino: Migrathon, la maratona digital per inventare app per i migranti

 

 

Promosso da 

 

 

Con il sostegno di

AICS.jpg

Realizzato in collaborazione con     

 

Dal 2 al 4 dicembre si terrà a Torino MIGRATHON, una maratona digitale per realizzare un primo modello di app o piattaforma digitale di informazione per i Migranti interni in Africa Occidentale

 

"Migrathon" è un hackathon, cioè una maratona digitale di più giornate, che si realizza in gruppi misti tra migranti, web designer e sviluppatori, associazioni specializzate sul tema, con l'obiettivo di produrre un primo modello di app o piattaforma digitale per l’informazione dei migranti interni in Africa occidentale, fruibile anche da telefoni di prima generazione e in assenza di connessione internet.

 

Perché una app per migranti in Africa Occidentale

Su una popolazione attuale di 1 miliardo di persone, i migranti in Africa sono circa 34 milioni, di cui solo un terzo all’esterno del continente (Nazioni Unite, 2015). 21 milioni sono gli immigrati presenti all’interno dell’Africa stessa. In particolare nel 2016, 80.000 migranti provenienti dall’Africa dell’Ovest  hanno intrapreso il viaggio verso il Mediterraneo, attraversando il deserto con tappe a  Dakar, Ouagadougou e Agadez.  Una volta intrapreso il deserto, i migranti sono vulnerabili e oggetto di tratta e di tortura sia nelle prigioni libiche che nel tratto del mar Mediterraneo. La quasi totalità degli intervistati ammette di aver intrapreso il viaggio senza un livello di informazioni adeguate sui rischi della migrazione, né sulle alternative in loco.

 

Il progetto

L'iniziativa si svolge all’interno del più ampio programma PUCEI (Progetto di urgenza per la creazione di impiego in favore dei giovani e delle donne delle regioni di Saint Louis (Senegal) Oio, Cacheu e Tombali (Guinea Bissau) e Alta Guinea (Guinea) e d’informazione per i potenziali migranti irregolari realizzato con il sostegno dell'Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo.

Il programma ha l’obiettivo generale di ridurre la vulnerabilità dei migranti, offrire informazioni veritiere sui rischi della migrazione irregolare e creare alternative concrete di impiego in loco.  

L’hackathon è organizzato da ONG 2.0CISVLVIATOP-IX , AST

 

Attraverso la realizzazione di una App Open Source e di strumenti digitali, il progetto si propone due obiettivi di ampio respiro:

  • Informare le comunità locali in Senegal, Guinea, Guinea Bissau, sui rischi della migrazione irregolare e sui servizi di protezione sociale presenti sul territorio.

  • promuovere la conoscenza di iniziative di cooperazione volte a creare competenze e opportunità di lavoro in loco.

La App, oltre ad essere fruibile da parte dei migranti tramite telefono e implementabile nei contenuti da loro stessi e dalle associazioni del territorio, deve essere utilizzabile come piattaforma per ONG e altre istituzioni attive nella cooperazione volta a favorire lo sviluppo locale.

Al termine dei lavori dell’hackathon sarà premiato il team che ha prodotto il modello migliore. Il premio consiste in un viaggio e soggiorno in Senegal per partecipare al secondo hackathon del progetto che si terrà a Dakar nel mese di febbraio con l’obiettivo di contestualizzare e migliorare il modello, di concerto con gli sviluppatori locali.

 

_________________________

 

Per informazioni

Silvia Pochettino, Ong 2.0, training@ong2zero.org, cell 3469546862

Luca Indemini, Top-Ix , press@top-ix.org

 
Condividi contenuti

LVIA - Via Mons. Peano 8 b - 12100 Cuneo - c.f. 80018000044 - Contatti
Area Riservata - Privacy