Sede

VOTIAMO MARCO ALBAN VOLONTARIO LVIA al premio del Volontariato Internazionale FOCSIV

     
français       english  

 
Amiche e amici, vi chiediamo di votare per assegnare il premio del volontariato internazionale al nostro volontario Marco Alban, volontario LVIA in Burkina Faso e Mali.

Vincere il premio significa per LVIA diffondere la cultura del volontariato e, inoltre, l'associazione vincitrice riceverà 20.000 Euro (destinati dall'8x1000 della Chiesa Cattolica) con cui LVIA potrà supportare i progetti in Burkina Faso e Mali in cui Marco è impegnato.

I quattro volontari più votati on line dal pubblico, passeranno alla fase finale del concorso e una commissione decreterà il/la volontario/volontaria dell'anno.

Si vota fino al 30 settembre!

 

Marco racconta il suo volontariato internazionale
Il video in 3 minuti ...

COME VOTARE? 

CON EMAIL
Registra i tuoi dati e controlla la tua email dove riceverai il link per votare.
A questo punto puoi votare per Marco, lo trovi a questo link http://premiodelvolontariato.focsiv.it/participant/marco-alban/44/info
Se hai votato correttamente, vedrai il numero di voti aumentare contemporaneamente al tuo click
 
OPPURE
 
con FACEBOOK
clicca “ACCEDI CON FACEBOOK”, accetta l’autorizzazione al trattamento dati.
Sei re-indirizzato al sito del premio, seleziona ACCEDI in alto a destra e riclicca su ACCEDI con FACEBOOK.
A questo punto puoi votare per Marco, lo trovi a questo link http://premiodelvolontariato.focsiv.it/participant/marco-alban/44/info
Se hai votato correttamente, vedrai il numero di voti aumentare contemporaneamente al tuo click
 
Si vota fino al 30 settembre! Diffondi il messaggio!
IMPORTANTE:
IN CASO DI MALFUNZIONAMENTO NELLA VOTAZIONE,
mettendo in copia italia@lvia.it 
risolveremo al più presto il tuo problema.
 
I problemi più frequenti:
  • effettui la registrazione e non ricevi l'email di conferma che ti permetterà di votare: aspetta qualche ora. Se l'indomani non hai ricevuto l'email, contattati 
  • ricevi l'email di conferma registrazione, ma il link indicato nell'email (che ti permetterebbe di votare) non funziona: vai alla pagina CREA ACCOUNT http://premiodelvolontariato.focsiv.it/registration/register  e compila la parte destra del format (intitolata "ACCEDI") con email e password che avevi utilizzato per registrarti. Se non riesci ad accedere neanche in questo modo, contattaci
  • per ogni altro problema scrivici, indicando l'email che hai utilizzato per registrarti al sito

Puoi anche chiamarci al numero 011/7412507 chiedendo di Lia Curcio

 
 

 

Il 15 settembre a Cuneo, LVIA organizza il Seminario Regionale “Un Solo Mondo Un solo Futuro”: l’esperienza pedagogica di 52 scuole piemontesi sui temi della cittadinanza globale

Giovedì 15 settembre dalle ore 15.00 a Cuneo, in via Roma 15, presso lo Spazio Incontri della Fondazione CRC, le associazioni di cooperazione internazionale LVIA - Servizio di Pace e CISV organizzano il seminario “Un solo mondo, un solo futuro: educare alla cittadinanza mondiale a scuola”. L'incontro ha inizio alle ore 15 (v. programma)

Il seminario giunge a conclusione di un progetto educativo (www.unmondounfuturo.org) nato dall’impegno congiunto di Ministero Affari Esteri e MIUR, con l’obiettivo di formare cittadini consapevoli e “attivi” in un mondo fortemente interconnesso e che attualmente presenta squilibri sia a livello socio-economico che ambientale. Concepito nell’alveo dell’Anno europeo allo Sviluppo, il progetto ha coinvolto nel corso dell’anno scolastico 2015/2016, in 15 Regioni italiane, 5.000 insegnanti, oltre 600 istituti e 20 organizzazioni non governative, tra cui la LVIA. In Piemonte, ha ricevuto il cofinanziamento della Fondazione CRC, che ospita il seminario, e della Compagnia di San Paolo. 

In Piemonte sono 52 gli istituti scolastici che hanno partecipato alle attività del progetto “Un solo mondo, un solo futuro”.

L'IPSIA Grandis di Cuneo è tra questi e l'insegnante Marisa De Simonenel corso del seminario nazionale del progetto svoltosi a Roma il 23 giugno scorso, aveva presentato le buone pratiche sviluppate attraverso il lavoro realizzato con LVIA, dicendo: «Abbiamo elaborato una Unità didattica di Apprendimento, “L’IPSIA NARRA LA DIVERSITÀ”, sperimentando la ricchezza di lavorare insieme ad altri insegnanti, cosa rara durante l’attività scolastica, provando a declinare all’interno dei programmi di italiano, storia, inglese e diritto, il tema delle migrazioni. L’esigenza nasce in quanto la nostra scuola presenta un’utenza eterogena, il 40% dei nostri alunni è di origine straniera. Le incomprensioni, la mancanza di empatia e la scarsa informazione sono tutti elementi che caratterizzano le relazioni del gruppo culturale misto».

Ezio Elia, presidente di LVIA, aggiunge: «Il progetto è stato una grande opportunità per diffondere la cultura della cooperazione internazionale e dello sviluppo sostenibile a partire dalla scuola. Una scuola capace non solo di formare gli adulti del domani ma anche di coinvolgere il territorio», come avvenuto nel corso della Settimana della Cooperazione Internazionale che dal 22 al 28 febbraio havisto impegnati gli istituti italiani in un caleidoscopio d’iniziative: da flash mob contro lo spreco alimentari a incontri con esperti della cooperazione internazionale, da laboratori teatrali a “biblioteche viventi” e apericena multietnici.

Il seminario, organizzato da LVIA in collaborazione con l’ong CISV, promotrice del progetto “Un solo mondo, un solo futuro”, si svolge con il patrocinio della Regione Piemonte, del MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) – Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte e della Città di Cuneo

PROGRAMMA DEL SEMINARIO

h. 15.00 Benvenuto di Ezio Raviola, Vice Presidente Fondazione CRC

Apertura dei lavoriEzio Elia, Presidente LVIA

h. 15.30 Le lezioni apprese dal progetto Un solo mondo un solo futurocapitalizzare le buone pratiche ed i pilastri metodologici, per metterli al servizio dell'educazione alla cittadinanza mondiale

Interventi degli insegnanti coinvolti nel progetto

h. 16.30 - Riflessione sull'impatto sociale del progetto e sulle prospettive offerte dal Service learning come approccio pedagogico innovativo - Italo Fiorin, Università LUMSA

h. 17.00 - Interventi dei partecipanti

h. 17.30 - Le opportunità di lavorare in rete: sfide pedagogiche e politiche da raccogliere

Umberto Salvi, Presidente del Consorzio delle ONG Piemontesi

Monica Cerutti, Assessora Regione Piemonte

Conclusioni: Piera Gioda, CISV - Coordinatrice nazionale del progetto

 

Info: LVIA - Segreteria regionale del progetto e organizzazione del Seminario tel. 011 741.2507

SCHOOL IN A DAY - il Corto girato dagli studenti per raccontare "La Scuola in un giorno"

“School in a day” è il cortometraggio realizzato nell’ambito del progetto “Scuola Interculturale: CIAK si gira!” promosso dall’Associazione LVIA grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo.

Oltre 400 studenti coinvolti di 9 scuole della provincia di Cuneo: innumerevoli strade, piazze, cortili, corridoi vissuti da studenti e studentesse che provano a guardare un mondo a colori, capaci di valorizzare la bellezza delle piccole cose, studiare a tarda notte, emozionarsi di fronte ad un cielo stellato, ascoltare il silenzio della neve che cade d’inverno, accogliere l’abbraccio di una sorella o quello di un amore appena scoperto, creare musica, fare squadra in uno sport, sorridere su un divano di casa che regala serate in famiglia…

“School in a day - La scuola in un giorno” vuole essere uno specchio che riflette un’intera giornata vissuta da ragazze e ragazzi dove emerge l’importanza di una scuola che insegna e fa crescere, ma anche di una scuola intesa sempre più come “Scuola aperta”, interdipendente con la realtà dei giovani dove famiglia, amicizia, tradizioni, natura, sport, amore, musica, arte in una società plurale e interculturale si mischiano e accompagnano le loro vite.

 

LVIA riceve la Medaglia del Presidente della Repubblica per le iniziative dei 50 anni dell'Associazione

"Ho il piacere di trasmetterLe la medaglia che il Capo dello Stato ha voluto destinare, quale suo premio di rappresentanza, in occasione del 50esimo anniversario della fondazione di LVIA, Associazione di solidarietà e cooperazione internazionale da Lei presieduta".
 
Con questo messaggio, la Presidenza della Repubblica ha conferito a LVIA, in occasione del 50ennale della sua nascita che ricorre nel 2016, la Medaglia del Presidente della Repubblica, conferimento per le iniziative che LVIA organizza per celebrare i 50 anni di impegno nella solidarietà internazionale in Africa e in Italia. 

Foto scattata in Kenya negli anni Ottanta: il volontario LVIA Enrico Gorfer impegnato nei progetti idrici nella Regione del Meru, Kenya

 
In questo importante anniversario, LVIA vuole raccontare la storia di valori e di esperienze che hanno caratterizzato 50 anni di attività in Africa, in Albania, in Italia. La prossima iniziativa si svolgerà all’interno dell’Assemblea annuale dei soci, prevista per il fine settimana del 18 e 19 giugno.

Il pomeriggio di Sabato 18 giugno sarà aperto al pubblico e, come spiega Ezio Elia, presidente di LVIA «Vista l’occasione speciale dei 50 anni della nostra associazione, vogliamo dedicare il pomeriggio di sabato a ripercorrere la nostra storia, con un dibattito guidato suddiviso idealmente in cinque decenni, raccogliendo libere testimonianze e riflettendo, anche criticamente, su quanto fatto e su quanto l’esperienza ci possa guidare in futuro».

Sono quasi 700 i volontari, donne e uomini provenienti da tutta Italia, che in questi 50 anni hanno operato con LVIA nei Paesi più poveri. Queste attività non sono semplicemente “progetti” ma relazioni, condivisione di idee e risorse, impegno al Nord e al Sud per la costruzione di un mondo più solidale e più giusto.

A distanza di 50 anni, LVIA vuole coinvolgere il territorio nella promozione di una rinnovata cultura della cooperazione internazionale che vada ben oltre il concetto di “aiuto”: una cooperazione basata sull’integrazione e sul protagonismo dei cittadini, a partire dai giovani, che sia riferimento per la politica del territorio tesa alla convivenza pacifica attraverso l’Intercultura, la reciprocità, il rispetto dei diritti e la corretta informazione.

Ezio Elia, presidente LVIA spiega: «Il mutevole e drammatico contesto mondiale continua ad interpellarci e la LVIA risponde ribadendo che #tuttipossiamofarequalcosa! Stiamo costruendo una serie d’iniziative per consolidare questi cinquant’anni e per promuovere una cultura della solidarietà, della cooperazione internazionale e della pace. Cittadini di tutto il mondo vivono nelle nostre città e le dinamiche globali dell’economia influenzano le economie locali. Abbiamo la necessità di una nuova consapevolezza e di un rinnovato approccio culturale come risposta del territorio alle nuove sfide locali e globali. Una risposta che si sviluppi non in termini di “chiusure” o, al contrario, di “beneficenza” ma in un’ottica di “relazione” con il resto del mondo».

Impossibile rappresentare brevemente la complessità di questa storia, e vi invitiamo a seguire LVIA in questo 50° anniversario, su www.lvia.it . L’appello dell’associazione è a Scrivere con noi la storia dei prossimi anni!”
 
 

Da oggi fino all'8 giugno apre al pubblico la Mostra LVIA “La chiave per un cibo sostenibile” presso la Scuola Media Unificata di Cuneo

Il 6, 7 e 8 giugno, la Scuola Media Unificata di Cuneo ospiterà la mostra LVIA “La chiave per un cibo sostenibile”. La mostra, realizzata da LVIA con il finanziamento del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, educa ai temi del diritto al cibo e delle implicazioni che i modelli di produzione e di consumo hanno sullo sviluppo globale e sulle economie locali, sulla creazione di ricchezza e di povertà, sulla tutela o la distruzione dell’ambiente e delle risorse naturali. 
Un tema trasversale e globale che lega noi, in Piemonte, alle altre popolazioni del mondo.
 
 

Questi temi sono trattati nella mostra attraverso l’esperienza dell’Etiopia, Paese dell’Africa Orientale situato nell’area geografica del Corno d’Africa, dove l’associazione LVIA è impegnata con azioni finalizzate al raggiungimento della sicurezza alimentare.
 
Sicurezza e sovranità alimentare, tutela ambientale e empowerment femminile all’interno della comunità e nella filiera del cibo, sono gli strumenti di pace che il progetto realizzato da LVIA con il contributo del Ministero Italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, utilizza per contrastare una situazione locale di povertà e degrado ambientale che, se ignorata, potrebbe avere conseguenze devastanti in queste aree depresse, causando sacche di malnutrizione acuta, tensioni e conflitti per la gestione delle risorse scarse, spinte migratorie interne ed esterne.
 
Il suddetto progetto ha finanziato anche la realizzazione della mostra, al fine di collegare l’azione nello Stato africano alla corretta informazione sul nostro territorio, per l’esercizio di una cittadinanza globale e responsabile.
 
 
La Scuola media Unificata di Cuneo ha scelto di esporre la mostra e, inoltre, di aprirsi alla cittadinanza per arricchire la propria missione educativa e condividerla con il territorio.
 
Orari per le visite nei giorni 6, 7 e 8 giugno 2016
LUN, MART, e MERC dalle 8.30 alle 10.30 e dalle 11.30 alle 12.45
NEL POMERIGGIO DI MARTEDI’ dalle 14.45 alle 16.15 
È gradita la prenotazione al numero 0171/698367
 
 

Abbiamo riso per una cosa seria: al via la Campagna a favore dell'agricoltura familiare

Il 14 e il 15  maggio 2016 si svolgerà la Campagna 

“Abbiamo RISO per una cosa seria”

LVIA partecipa alla Campagna nazionale "Abbiamo RISO per una cosa seria" a favore dell'agricoltura familiare in Italia e nel mondo. La Campagna è promossa da FOCSIV - Volontari nel mondo, Coldiretti e Fondazione Campagna Amica con il Patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. Obiettivo della Campagna è sostenere l’agricoltura familiare in Italia e nel mondo: un modello che coniuga diritto al cibo e dignità dell’uomo, per un’ecologia integrale.

Il 14 e il 15 maggio verranno distribuiti in centinaia di piazze italiane 106.000 kg di riso "Roma" prodotto dalla Filiera Agricola italiana, lanciando così un grande messaggio: sosteniamo le aziende agricole italiane a dimensione familiare dando valore al loro prodotto che altrimenti sarebbe stato venduto sottocosto; inoltre sosteniamo 38 interventi differenziati per dare risposte a specifiche esigenze nelle comunità locali nelle aree più povere del mondo, realizzati dagli organismi federati alla FOCSIV. La Campagna rappresenta, infatti, l’alleanza tra FOCSIV e Coldiretti, tra risicoltori italiani, coltivatori del Sud del mondo, entrambi condizionati dalle scelte imposte dall’agribusiness, ed i consumatori.
 
«Unire con un’alleanza il Nord con il Sud, puntando sull’agricoltura familiare, che è una delle prime attività compiute dall’uomo, consente di restituire alle comunità non solo il diritto al cibo, ma soprattutto la dignità umana; si avvia così un processo di economia territoriale in grado di migliorare la qualità della vita e in questo percorso la solidarietà sa fare la differenza». – Ha ribadito Andrea Olivero, Vice Ministro alle Politiche Agricole.

"Un ponte di riso tra Italia e Guinea Bissau" è il progetto sostenuto da LVIA attraverso la Campagna. La Guinea Bissau è Paese dell’Africa Occidentale dove quasi 100mila orti a conduzione familiare contribuiscono a più dell’80% della produzione. Ma la produzione locale di riso, alimento base della cucina guineense, copre appena il 40% del consumo nazionale ed il Paese non è ancora autosufficiente da punto di vista alimentare. LVIA interviene nel Paese con un programma di supporto all’agricoltura, e in particolare alla “risicoltura di mangrovia”: si tratta di una tecnica tradizionale di risicoltura che utilizza il delicato equilibrio tra acqua dolce ed acqua salata, valorizzando l’ecosistema unico delle coste marine guineensi, caratterizzato dalle mangrovie. Negli ultimi 5 anni, il lavoro di LVIA con i produttori della Guinea Bissau, ha coinvolto 5.300 agricoltori, formato 15 cooperative agricole che gestiscono altrettanti Centri di Servizi agricoli e formati e 15 gruppi di produttori di sementi, in tutte le cinque regioni del Paese.

       LA CAMPAGNA        IL PROGETTO LVIA        LE PIAZZE

...La Campagna si fa social!

Seguici su

  

Partecipa anche tu, posta la foto del tuo sorriso o di quello di un amico e scrivi #RISOxunacosaseria con @Focsiv e @LVIAong 

www.abbiamorisoperunacosaseria.it

Ringraziamenti del Presidente LVIA ai volontari dell'iniziativa "Fai Crescere la Solidarietà con Acqua è Vita"

Nel fine settimana del 16-17 aprile, l’associazione LVIA è stata presente nelle piazze di Torino e provincia, Cuneo e provincia, Galliate ed altri Comuni italiani, con banchetti di piantine aromatiche nell’ambito della Campagna Acqua è vita! a sostegno dei progetti idrici in Kenya. L'iniziativa "Fai crescere la solidarietà" ha permesso di raccogliere 24.000 euro grazie alla distribuzione di 6.500 piantine

Riportiamo la lettera di ringraziamento del presidente LVIA a tutti i volontari e gli enti che hanno reso possibile questo importante risultato. 
 
Carissimi,

desidero informarvi degli ottimi risultati raggiunti con l’iniziativa "Fai crescere la solidarietà" che ci ha visto impegnati insieme il weekend del 16 e 17 aprile.

Grazie all’impegno di circa 300 volontari, abbiamo organizzato 60 banchetti in 27 località a Cuneo, Torino, le relative province, e Galliate.
Abbiamo coinvolto negozi, botteghe del commercio equo, gruppi di acquisto solidale, asili, scuole materne, elementari, medie e superiori.
Abbiamo distribuito 6.500 piantine aromatiche e primaverili, raccogliendo 24.000 euro che saranno destinati ai progetti idrici  nel nord del Kenya a beneficio di circa 7.300 persone.

A nome di LVIA e di tutti coloro che in Kenya potranno finalmente utilizzare acqua pulita e potabile, vorrei ringraziare personalmente ognuno di voi per l'impegno che avete dimostrato, chiedendovi di estendere il mio ringraziamento a tutti coloro che hanno collaborato e che non riusciamo a raggiungere direttamente.

Vorrei sottolineare la preziosa partecipazione:

Degli Istituti scolastici di Castelletto Stura, Beinette, Morozzo, Caraglio, Busca, Borgo San Dalmazzo, Istituto Andrea Fiore di Cuneo, Istituto Tecnico Commerciale Bonelli di Cuneo, Istituto Comprensivo Statale Palmieri di Torino e l’Asilo Infantile Gianotti di Piossasco, ringraziando in modo particolare gli insegnanti e i Dirigenti scolastici per il loro impegno e la loro disponibilità, ma soprattutto i bambini e i ragazzi per l’entusiasmo e la passione.

Dei parroci  che ci hanno "accolto" davanti alle loro chiese
a Cuneo: Duomo, Sacro Cuore, Cuore Immacolato, San Paolo, San Pio X, Santuario degli Angeli, Santuario di Fontanelle, Parrocchia di Borgo San Giuseppe, Parrocchia di San Rocco Castagnaretta,
a Torino: Parrocchia Santi Pietro e Paolo, Chiesa San Giovanni Evangelista.

 
Degli esercizi commerciali che hanno promosso l'iniziativa all'interno delle loro attività, in particolare i supermercati e ipermercati di Novacoop a Cuneo e Torino, Big Store di Madonna dell'Olmo, Art Villagè Cafè di Savigliano, Drogheria Giraudo di Cuneo, Bottega Checevo di Cuneo, Glocandia Bottega Etica di Torino, Macelleria Gadaleta di Torino, Bottega Altro Mercato di Torino, Emporio Nanà di Torino che ci hanno permesso di "entrare in contatto" con i loro clienti.

Ringraziando di cuore ancora tutti per la fondamentale e meravigliosa collaborazione, vi dò appuntamento al prossimo evento di piazza che si terrà in ottobre, in occasione della Giornata Mondiale dell'Alimentazione, con gli ormai consueti banchetti per la distribuzione delle mele della solidarietà.

Ezio Elia
Presidente LVIA

Anno Europeo per lo Sviluppo: un anno bellissimo!

Si conclude oggi l’Anno Europeo per lo Sviluppo.

Il progetto “Un solo mondo un solo futuro. Educare alla cittadinanza mondiale a scuola”, che anche LVIA realizza con le scuole di 4 province italiane (Torino, Cuneo, Forlì, Caltanissetta) è stato invitato a partecipare all’evento di chiusura con una delegazione di 50 tra studenti, insegnanti e operatori delle ONG: una piccola rappresentanza delle molte persone che in questi mesi hanno lavorato e si sono impegnate per fare di questo, un anno bellissimo.

All’evento parteciperanno il sottosegretario di stato del Miur, Angela D’Onghia, e il vice ministro del Maeci, Mario Giro, che racconteranno ai tanti ospiti le numerose iniziative sviluppate dalla Cooperazione Italiana a sostegno dello sviluppo sostenibile. Un piccolo spazio lo avremo anche noi e lo dedicheremo a raccontare la forza di questo bel progetto di educazione alla cittadinanza mondiale, dando spazio ai protagonisti con alcune testimonianze dirette degli studenti di Osimo e Parma.

Guarda il programma della mattinata.

Puoi seguire l’evento in streaming a partire dalle ore 11 del 31 marzo 2016 semplicemente cliccando qui.

Il 16 e il 17 aprile Fai crescere la solidarietà con Acqua è vita

Nel fine settimana del 16/17 aprile la LVIA sarà presente nelle piazze di Torino e provincia, Cuneo e provincia, Asti, Galliate, e in altri Comuni con banchetti di piantine aromatiche, per portare il messaggio Acqua è vita! I fondi raccolti dall'iniziativa sosterranno, infatti, il progetto che l'Associazione promuove nella Contea di Isiolo, in Kenya.
Fai crescere la solidarietà
 
foto di Alessandro Rocca
Una piantina aromatica per portare acqua alle
popolazioni del Nord del Kenya
 
16 - 17 aprile 2016: cresce la solidarietà con LVIA
 
 
Nel fine settimana del 16-17 aprile, l’associazione LVIA sarà presente nelle piazze di Torino e provincia, Cuneo e provincia, Galliate ed altri Comuni italiani, con banchetti di piantine aromatiche nell’ambito della Campagna Acqua è vita! a sostegno dei progetti idrici in Kenya.

In Kenya, la presenza di LVIA risale al 1967: in questi 50 anni di attività nella regione del Meru, sono stati costruiti circa 600 chilometri di acquedotto che, grazie alle centinaia di fontane pubbliche realizzate nei villaggi, hanno garantito l’accesso all’acqua pulita a 522.400 persone. Inoltre, centinaia di famiglie oggi possono disporre di un rubinetto domestico e molte scuole hanno a disposizione una quantità d’acqua che garantisce la pulizia e l’igiene delle strutture nonché il fabbisogno giornaliero di studenti e insegnanti. Tutte le strutture idriche sono gestite da comitati locali eletti dalla popolazione e supervisionate dall’ente tecnico della Diocesi di Meru. 

Dopo questi importanti risultati raggiunti nel Meru nei passati decenni, ed essendo la gestione degli impianti interamente in carico alla popolazione locale, a partire dal 2011 LVIA ha concentrato la sua azione più a nord, nella Contea di Isiolo, un’area profondamente vulnerabile. 

Ecco qualche dato dell’area di Isiolo:

  • solo il 43,5% delle famiglie sono prossime ad un pozzo;

  • solo il 18% delle famiglie utilizzano acqua potabile. Non sempre, infatti, l’acqua di una fonte è sicura e potabile;

  • 10,3% è il tasso della mortalità infantile dovuta a diarrea causata dall’uso di acqua non potabile;

  • la distanza media dalla fonte d’acqua più vicina è 5 km (45 minuti di cammino), percorsi anche più volte al giorno;

  • il 55,7% delle persone ha accesso ai servizi igienici, ma la maggior parte delle scuole e dispensari sanitari ne sono privi.

I contributi raccolti presso i banchetti sosterranno i progetti che LVIA promuove nella Contea di Isiolo, volti a migliorare l’accesso alle fonti idriche per 7.300 pastori, affinché possano far fronte alle cicliche siccità che colpiscono la regione e mitigare la conflittualità fomentata dalla scarsità di acqua e pascoli.

L’iniziativa Fai crescere la solidarietà è realizzata da LVIA nell'ambito della Campagna Acqua è vita, con la quale abbiamo portato acqua a 1 milione e 300.000 persone in 10 paesi africani a sostegno delle popolazioni più vulnerabili e povere. Si svolge il patrocinio della Provincia di Cuneo e del Comune di Cuneo.
 

Leggi la storia di Doris

Doris Mukami ed Enrico Gorfer, volontario LVIA, al punto d'acqua

Doris Mukami è una giovane donna, la incontriamo nel Meru presso una fontana pubblica, con i suoi bambini in coda per prendere l'acqua. Nel Meru molti villaggi hanno costruito dei punti d'acqua, allacciando le tubature agli acquedotti realizzati da LVIA e dalla Diocesi di Meru. 

 
I figli di Doris ed altri bimbi al punto d'acqua
«Sono una casalinga, ogni giorno svolgo i miei compiti e vado a cercare la legna, a prendere l’acqua e guardo gli animali»  racconta. «Rispetto al mio villaggio, questa fontana è distante 3 Km. Riesco a prendere 5 taniche al giorno, cioè 100 litri.
La situazione è molto migliore di prima, quando non c'era questa fontana dovevo cercare l'acqua più lontano. Adesso abbiamo un piccolo orto, uso l'acqua che prendo qua anche per innaffiare. L'orto ci aiuta per il fabbisogno a casa e il restante lo vendo, quindi ne ricavo un introito per la famiglia. Però faccio ancora fatica, l'acqua non è abbastanza per fare tutte queste cose, devo razionarla. Per migliorare ancora la nostra situazione vorrei una cisterna per la raccolta dell’acqua piovana. Ora le piogge arriveranno e tutta l’acqua arrivata dal cielo correrà via.».
 

 

CONTRO I RAZZISMI: da Palermo la storia che unisce la lotta allo spreco alimentare alla solidarietà tra uomini e popoli!

Tre storie che s'intrecciano: un ex vigile del fuoco in pensione, un uomo impegnato nel sociale e un etiope arrivato in Sicilia con i barconi.

I PROTAGONISTI

Il signor Enzo Marchese, ex pompiere, proprietario di un vasto terreno con piente di  limoni e mandarini: quest'anno ha una produzione eccezionale e vuole donarne una parte, anche perché non riesce a raccoglierli tutti e metterli sul mercato.

Il signor Vito Restivo, impiegato della pubblica amministrazione, che da anni coordina le attività in Sicilia di LVIA. Quest’anno il gruppo di volontari di LVIA a Palermo ha deciso di sostenere un progetto in Kenya, per migliorare l’accesso alle risorse idriche della popolazione del nord del Paese.

Il signor Ababa Amsalo, giovane etiope, rifugiato politico in Italia perché fa parte di un’etnia perseguitata nel suo Paese, gli Oromo. Da circa un anno a Palermo, ha "bussato" alla porta della comunità di S. Saverio per chiedere un lavoro.

LA STORIA

Vito Restivo sta cercando dei consorzi agricoli disposti a donare della frutta per fare attività di raccolta fondi a sostegno di LVIA. Enzo Marchese sembra essere la persona giusta, ma da solo non può  raccogliere in tempo utile tutti gli agrumi in eccedenza …

...E allora vi raccontiamo una storia davvero eccezionale: il giovane Ababa è stato impiegato nel lavoro di raccolta stagionale ed è riuscito in un paio di settimane a raccogliere circa 2.000 Kg di agrumi che il signor Enzo ha donato a Vito Restivo, il quale, contattando scuole, associazioni, enti e privati cittadini li ha distribuiti raccogliendo circa 2.000 euro a sostegno dei progetti idrici in Kenya.

Abala ha poi continuato a raccogliere mandarini e limoni volontariamente per sostenere raccolte fondi a sostegno di altre associazioni. 

Una bella storia, un esempio di unione oltre le differenze che ci aiuta a dire NO ad ogni forma di discriminazione e razzismo. 

Per citare Vito Restivo: “Questa è una di quelle volte che ci sentiamo famiglia...FAMIGLIA UMANA!”

Questa storia è particolarmente significativa per LVIA, perché insiste su alcuni assi portanti del nostro essere associazione: la convinzione che tutti, ma proprio tutti, hanno qualcosa da mettere a disposizione; la necessità di promuovere - parallelamente ai progetti in Africa - attività di sensibilizzazione in Italia, soprattutto sull’adozione di scelte di consumo responsabili; il tema del diritto all’acqua come diritto alla vita, perseguito da 50 anni di attività per garantire l’accesso a oltre 1 milione 300 mila persone in 10 Paesi africani; la questione della lotta allo spreco alimentare, partendo da quello che si consuma in campo, prima di arrivare alla grande distribuzione e alle nostre tavole.

Scopri le attività della sede LVIA di Palermo

Maggiori informazioni sui progetti promossi da LVIA in Kenya

LVIA lancia un’app per lottare contro lo spreco di cibo in campo. Maggiori info

 

Leggi l'articolo pubblicato dal Giornale di Sicilia il 15 marzo 2016

 

Condividi contenuti

LVIA - Via Mons. Peano 8 b - 12100 Cuneo - c.f. 80018000044 - Contatti
Area Riservata - Privacy